• modules/mod_lv_enhanced_image_slider/images/demo/1305026998[1].jpg
  • modules/mod_lv_enhanced_image_slider/images/demo/IMG_9101.jpg
  • modules/mod_lv_enhanced_image_slider/images/demo/logo jhonny.jpg
  • modules/mod_lv_enhanced_image_slider/images/demo/nuova-bmw-serie-3[1].jpg
  • modules/mod_lv_enhanced_image_slider/images/demo/rtl_102_5_logo[1].jpg

Ricerca Avanzata

Cerca :

Newsletter Pubblishopping

Iscriviti alla nostra newsletter per essere aggiornato su novità, eventi, e molto altro della tua zona!!!


Provincia:

Chi è online

 1377 visitatori online

Aziende del mese

GEC

 

sca

logozagara.jpg

isola

AGRI

gina

florian

 

 

 

 

 

categorie aziende

Al Sorriso Ristorante Pizzeria

Al Sorriso Ristorante Pizzeria Via Lecco, 71
24035 Curno
BG Italia
E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Sito WEB
Tel.: 035.617676

Il Locale

striscione1

Pizza e pesce ‚ÄúAl Sorriso‚ÄĚ

immagine00005Il Ristorante Pizzeria ‚ÄúAl sorriso‚ÄĚ da quasi vent‚Äôanni prepara ottimi piatti di pesce secondo la tradizione mediterranea.
Santo Manetta gestisce il locale con la moglie Lory in sala. In cucina Santo Manetta, che ha lavorato nel settore della ristorazione per 25 anni come cuoco presso vari ristoranti della bergamasca (Il Baio, Il San Marco etc) e ha trascorso diverse stagioni in ristoranti al mare e in montagna.
Fra gli antipasti merita una menzione l’involtino di tonno affumicato al caprino e insalata di fumghi freschi di stagione. Come primo si possono scegliere linguine alle vongole veraci, mentre come secondo si può assaggiare lo spada al salmoriglio. Il ristorante prepara anche piatti di carne, fra cui la tagliata di manzo con scaglie di grana, rucola e rosmarino.

La pizzeria offre una variet√† di quaranta pizze. La specialit√† √® la pizza al tagliere, che viene preparata per due persone nelle varianti ‚ÄúBergamasca‚ÄĚ (mozzarella, funghi porcini, pancetta, polenta consa con branzi e strachitunt), ‚ÄúPrimavera‚ÄĚ (margherita con l‚Äôaggiunta di bufala, pomodorini di pachino, scaglie di grana e olio extravergine), ‚ÄúSorriso‚ÄĚ (pizza classica con l‚Äôaggiunta di verdure, grana, salamino e olive).

La cantina consta pi√Ļ di 40 etichette di vino con particolare al sud e nord Italia.

 

immagine00006entrata1

Evento 30 Luglio

IL MOJITOMANIA SOCIAL CLUB IN COLLABORAZIONE CON
IL RISTORANTE AL SORRISO ORGANIZZA

LA PRIMA FESTA DI COMPLEANNO DEL SOCIAL CLUB

VENERDI' 30 LUGLIO ORE 20

CON PRENOTAZIONE PIZZA E MOJITO A VOLONTA' ‚ā¨ 15.00
‚ā¨ 12.00 CON BIBITE ANALCOLICHE
PER PRENOTAZIONI TEL 035.617676  - FABIO 338.8689389
SENZA PRENOTAZIONE ENTRATA LIBERA MOJITO ‚ā¨ 6.00

mojito
immagine00001mojito

 

logo1

 

 

 

Un cordiale incontro
con la cucina mediterranea

Ristorante Pizzeria
Curno (Bg) Via Lecco, 71
Tel 035.617676
Chiuso Mercoledì

www.ristorantealsorriso.it

Sperlinga

immagine00008

Santo Manetta nasce in Sicilia e precisamente a Sperlinga in provincia di Enna. Nonostante debba al territorio bergamasco la sua fortuna, non dimentica la sua origine e,orgoglioso di questo, vuole dare un nota di merito al suo paese.


Sperlinga è situata tra i monti Nebrodie le Madonie nel cuore della Sicilia.Già definita "una regale dimora rupestre" scavata in una gigantesca mole d'arenaria, etimologicamente Sperlinga deriva dal greco e significa "Spelonca", grotta. centrale, a 47 chilometri da

Storia

Tra i primi documenti storici in cui è citata Sperlinga, si trova un privilegio del Conte Rggero del 1082. Risale al periodo subito successivo una forte colonizzazione da parte di popolazioni venute dal Nord Italia. Per questo motivo a Sperlinga si parla un dialetto del ceppo gallo italico, il gallo-siculo, come in altre zone della Sicilia, dovuto ad immigrazioni dalle province di Novara, Asti e Alessandria.

La storia di Sperlinga si identifica con le famiglie che hanno posseduto il Castello e i feudi annessi. Il paese, nato come borgo feudale ai piedi del Castello medievale, si è espanso dal 1597in poi, quando il reFilippo II, principe di Sperlinga, il privilegio di potervi fabbricare terre.
Il territorio comunale è caratterizzato da numerose grotte scavate nella roccia arenaria. concesse a

Si segnalano quelle di Contrada Rossa, Cicera, Perciata, Grotta Vecchia, e all'interno del centro abitato quella del "Balzo" scavate in fila e sovrapposte con antistanti pittoresche stradine che costituiscono nel loro insieme un borgo rupestre, dove, ogni anno, il 16 agosto, si celebra la "Sagra del Tortone". Tale manifestazione folcloristica consiste nella distribuzione e degustazione di cibi locali tipici, espressione della migliore e pi√Ļ genuina tradizione culinaria del luogo. Al centro della proposta alimentare riccamente imbandita il gustosissimo "Tortone".

Nei giorni precedenti, i vari rioni del paese, ognuno rappresentato da una Dama, si sfidano in vari giochi. La dama del rione che ha ottenuto il maggior punteggio viene eletta Castellana di Sperlinga. Il 14 agosto la Castellana, insieme alle altre dei paesi Gallo-Italici, partecipa al corteo storico, coposto da molti personaggi, in costume d'epoca, che sfilano lungo le vie del paese. Una giuria eleggerà la Dama dei paesi Gallo-Italici. La serata in piazza Castello è allietata da rappresentazioni di eventi storici, spettacoli pirotecnici, canti e balli.

Il castello medioevale di Sperlinga

Il castello è un raro esempio di castello rupestre, in parte scavato nella roccia e risalente probabilmente al periodo anteriore ai Siculi pre-greci (XII-VIII secolo a.C.), in parte costruito sulla stessa roccia, intorno all'anno 1000

√ą stato sede della Baronia dei Ventimiglia fino al 1597, poi dei principi di Sperlinga Forti Natoli (1957-1658) e quindi del duca Oneto (1658-1861), l'ultimo dei quali lo concesse in enfiteusi al barone Nunzio Nicosia, i cui discendenti lo donarono al Comune di Sperlinga nel 1973

√ą famosa la scritta in latino scolpita sull'arco a sesto acuto nell'androne del Castello "QUOD SICULIS PLACUIT SOLA SPERLINGA NEGAVIT", tale scritta postuma √® legata alle vicende dei Vespri Siciliani (1282) quando una guarnigione francese si asserragli√≤ all'interno del castello e resistette all'assedio per circa un anno.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  
Powered by Sigsiu.NET RSS Feeds